Il Viaggio

 

Un Sikh, alla guida di un taxi giallo, ci ha portato velocemente a Manhattan.

La mattina successiva ci siamo svegliati molto presto e siamo usciti.

Il sole illuminava la metà di ogni cosa.

2012 - New York N.Y. USA

La luce era la stessa che avevo visto in tante città dell'est, nella stessa stagione e alla stessa latitudine. Ma le persone no, erano diverse. Avevano delle belle facce da smartphone.

Anche le notti erano diverse. Non avevo portato la mia tenda. Avessi avuto più coraggio, ma molto più coraggio, l'avrei portata per dormire a Central Park o sulla spiaggia di Coney Island. Neanche la mia Volkswagen rossa avevo con me. Chissà dove sarà adesso.

1996 - Romania

L'avevo regalata anni prima a Valodia, un amico russo divenuto famoso per essere partito a cavallo dalla Terra del Fuoco ed aver raggiunto l'Alaska dopo un viaggio durato cinque anni, se ricordo bene.

Comunque, a New York, la gente proprio non riuscivo a fotografarla. Devo voler bene alle persone che fotografo. Forse dipendeva dal fatto che avevo viaggiato in aereo e, come si sa, quando si vola, l'anima ci mette tre giorni e più ad arrivare, a seconda della distanza. Troppo tardi. Quando è arrivata lei, io ero già bello che tornato indietro.

1993 - Ucraina

Anni fa, quando partivo per l'est, era tutta un'altra musica. Io e la mia anima, viaggiavamo insieme, mangiavamo insieme, dormivamo insieme, per tre giorni e per tre notti. Quando finalmente giungevamo a destinazione, era come se avessimo sempre vissuto lì. Forse è questa la vera ragione per la quale, a New York, non sono riuscito a fotografare le persone.

 

Glasgow, giugno 2013

 

© Fabio Ponzio

Copyright © 2017 Fabio Ponzio. Tutti i diritti riservati.