"L’identità europea è sempre stata al centro del mio interesse e l’Europa, dall’Atlantico al Caucaso, è stata l’area geografica nella quale ho viaggiato e fotografato. Ho voluto ritrovare, nelle persone che ho fotografato, la mia cultura, le mie radici, il mio destino.  Non mi piace sentirmi diverso dalle persone che fotografo. Nello stesso tempo sono attratto dai confini estremi, laddove le culture si confrontano e spesso, drammaticamente, ritrovano se stesse.

Ai confini l’identità è più evidente che nel centro. Laddove tutto sembra precario e fragile, è possibile vedere meglio".

Copyright © 2017 Fabio Ponzio. Tutti i diritti riservati.